EurActive.it

di Jean-Christophe Chanut – traduzione di Giorgia Crespi

Facebook Twitter Linkedin
Digitalizzazione dei rapporti di lavoro

24/03/2016 15:14

Esaminare la questione del reddito di base universale, creare uno status specifico e fornire una protezione sociale per i “lavoratori autonomi economicamente dipendenti”, promuovere il ricollocamento promozionale, queste sono solo tre delle venti e più raccomandazioni del Conseil National du Numérique (CCNum) finalizzate all’adeguamento dell’economia francese alle sfide della crescente digitalizzazione nel rapporto dal titolo Lavoro, occupazione, digitale: nuove direttive, presentato dal ministro del lavoro francese, Myriam El Khomri, mercoledì (6 gennaio).

Questo studio comprensivo ha esaminato come il dialogo sociale all’interno delle imprese è influenzato dall’evoluzione della tecnologia digitale. Secondo gli autori, “la tecnologia digitale può essere utilizzata per creare collettivi e non è necessariamente una causa di maggiore frammentazione”. Tutto il contrario, stando al CCNum, la tecnologia digitale potrebbe rivitalizzare il dialogo sociale e rilanciare “l’espressione diretta” dei dipendenti.

Consultazioni in vista di trattative

La relazione ipotizza che un processo di consultazione del gruppo di lavoro possa essere avviata in vista dei cicli di negoziazione annuali o triennali, al fine di raccogliere i pareri dell’intera forza lavoro sugli obiettivi della trattativa.

In questo processo di consultazione, gli autori vedono “un modo per i rappresentanti sindacali di aumentare la loro visibilità e consolidare la propria legittimità al di fuori della sfera delle elezioni di categoria”.

Ritengono che “i nuovi collettivi” dovrebbero essere portati all’interno del dialogo sociale. Potrebbero non rappresentare i dipendenti allo stesso modo dei sindacati, e potrebbero non avere una poltrona al tavolo delle negoziazioni con i dirigenti, ma sperimentare mezzi alternativi di coinvolgimento della forza lavoro aiuterebbe a colmare il gap tra i lavoratori e i loro rappresentanti.

Digitalizzazione dei sindacati

Un’altra raccomandazione contenuta nel report formula la necessità che tutti i rappresentanti dei lavoratori ricevano una formazione in materia, e che le comunicazioni sindacali vengano emesse per via elettronica, al posto che mediante l’affissione sulle classiche bacheche che vengono tuttora ampiamente utilizzate.

Questo cambiamento di modus operandi sarà raggiunto dando ai rappresentanti sindacali l’accesso privilegiato ai sistemi intranet e email delle imprese, al fine di assicurare che le informazioni siano a disposizione di tutti gli interessati, e per incoraggiare l’interazione tra dipendenti e management.

Tuttavia, per quanto le proposte offrano sicuramente alcune interessanti possibilità, è improbabile che saranno adottate dal governo francese che è riluttante a caricare le imprese di normative che possano danneggiare la loro competitività.  





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2020 Partita IVA 08931350154