EurActive.it

Home > News > Gb: post-Brexit libero scambio con Paesi in via di sviluppo

di EURACTIV.com e Reuters | Traduzione di Francesco Chierchia

Facebook Twitter Linkedin
Gb: post-Brexit libero scambio con Paesi in via di sviluppo

26/06/2017 14:43

Il Regno Unito ha annunciato che, una volta concluso il processo di divorzio da Bruxelles, le merci provenienti da circa 50 Paesi in via di sviluppo (tra cui Bangladesh, Sierra Leone e Haiti) avranno libero accesso al suo mercato

Londra ha reso noto che nei prossimi anni 50 Paesi in via di sviluppo potranno continuare commerciare con la Gran Bretagna senza dover pagare dazi, fatta eccezzione per le merci militari (ad esempio armi e munizioni).

La decisione rappresenta un modo per espandere ulteriormente le relazioni commerciali con il resto del mondo dopo che, nel 2019, il Regno Unito lascerà ufficialmente l'Unione europea.

"Il divorzio dall'Unione è l'occasione per intensificare i nostri impegni con i Paesi del resto del mondo, non di allontanarci da loro", ha dichiarato in un comunicato il segretario per il Commercio internazionale, Liam Fox.

"Il libero ed equo commercio è stato lo strumento migliore per aiutare i Paesi poveri del mondo. L'annuncio di oggi dimostra il nostro impegno ad aiutare i Paesi in via di sviluppo nel far crescere le loro economie e nel ridurre la loro povertà attraverso lo scambio", ha aggiunto.

Londra ha avviato i negoziati per lasciare l'Unione europea la scorsa settimana, accettando di discutere con Bruxelles prima i nodi politici del divorzio, e solo successivamente gli eventuali futuri accordi commerciali con il blocco.

Secondo il Governo britannico, dai Paesi in via di sviluppo sarebbero state spedite nel Regno Unito merci per un valore di circa 22,8 miliardi di euro l'anno.

Il Regno Unito (come membro Ue) fa parte della più grande comunità al mondo di aiuti verso i Paesi in difficoltà, con un esborso annuo di circa 12 miliardi di euro in 140 Paesi. In virtù di questo e della sua grande attenzione alle politiche di sviluppo, Londra esercita una notevole influenza sui piani di aiuti dell'Unione europea e su come i relativi fondi vengono utilizzati.





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2019 Partita IVA 08931350154