EurActive.it

Home > News > Il Regno Unito non ridurrà la tasse dopo la Brexit

di EURACTIV.com e Reuters | Traduzione di Francesco Chierchia

Facebook Twitter Linkedin
Il Regno Unito non ridurrà la tasse dopo la Brexit

31/07/2017 16:30

Per restare competitiva dopo la Brexit, Londra non intende ridurre la pressione fiscale al di sotto della media Ue. Al contrario, secondo il ministro Philip Hammond, la Gran Bretagna è decisa a mantenere un modello economico e sociale europeo

Il ministro delle Finanze britannico, Philip Hammond, a gennaio ipotizzò che il Regno Unito avrebbe potuto modificare il proprio modello economico per rimanere competitivo una volta uscita dal blocco dell'Unione europea. Ma ad oggi le cose sembrano stare diversamente. 

In un'intervista a Le Monde pubblicata durante il fine settimana, ad Hammond è stato chiesto se Londra è intenzionata ad abbassare la tassazione pe rimanere economicamente attraente dopo Brexit.

"Spesso si dice che Londra sia in grado di lanciare una concorrenza sleale in termini di regolamentazione fiscale. Ma questo non è il nostro progetto o la nostra visione per il futuro", ha risposto il ministro.

"Le tasse che applichiamo, misurate in conformità con il Pil, sono nella media europea e credo che rimarremo su questo livello. Anche dopo aver lasciato l'Ue, il Regno Unito manterrà un modello sociale, economico e culturale che sarà riconoscibilmente europeo".

La posizione espressa da Hammond è decisamente diversa rispetto a quando affermato nell'intervista di gennaio con il quotidiano tedesco Welt am Sonntag, dove il ministro evidentemente tentò di lanciare degli avvertimenti nella speranza di ottenere degli sconti durante i negoziati di divorzio.

Alle stesse domande, infatti, Hammond rispose di volere una Gran Bretagna impostata su un modello europeo, ma di non escludere un cambio di sistema fiscale in caso di divorzio dall'Europa senza un accorso sull'accesso al mercato.

"In questo caso - dichiarò il ministro - potremmo essere costretti a cambiare il nostro modello economico per mantenere la competitività. Modificheremo il nostro modello e saremo di nuovo competitivi".





EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2020 Partita IVA 08931350154