EurActive.it

Home > News > Russia: Putin si candiderà da indipendente, sicurezza tema centrale

di Francesco Chierchia | Mf-Dow Jones News

Facebook Twitter Linkedin
Russia: Putin si candiderà da indipendente, sicurezza tema centrale

14/12/2017 17:05

Durante il suo consueto appuntamento di fine anno con la stampa, il leader del Cremlino ha annunciato le proprie intenzioni in vista delle prossime elezioni. Tra i principali punti affrontati nel corso dell'evento anche le presunte influenze russe nella corsa presidenziale americana e la crisi nordcoreana

Il presidente russo, Vladimir Putin, si candiderà alle prossime elezioni politiche da indipendente. Ad annunciarlo è stato lo stesso Putin durante la sua tradizionale conferenza stampa di fine anno a Mosca.

"Conto di avere il sostegno di tutte quelle forze politiche che hanno a cuore lo sviluppo del nostro Paese e, naturalmente, anche del popolo russo", ha dichiarato Putin davanti a circa 1640 giornalisti. "Come in economia - ha aggiunto - anche in politica serve un'atmosfera competitiva e farò di tutto per garantirla".

Il presidente ha sottolineato che, a partire dalla sua prima vittoria alle elezioni del 2000, il Pil della Russia è cresciuto di circa il 75%. Ma una delle questioni più urgenti che il Cremlino dovrà affrontare sarà secondo Putin quella legata alla sicurezza. Gli Usa si sono infatti ritirati dall'accordo "Abm", il trattato anti-missili balistici, ed oggi in America è in corso una campagna per far sì che la Casa Bianca abbandoni anche il trattato "Inf" sui missili di corto e medio raggio.

Bisogna evitare "un effetto negativo sulla sicurezza internazionale", ha affermato, spiegando che "noi garantiremo la nostra sicurezza senza essere trascinati in una nuova corsa agli armamenti". Il presidente ha poi annunciato che il prossimo anno la Russia intende investire circa 46 miliardi di dollari nel settore della Difesa, sottolineando però che gli Usa "spenderanno molto di più, cioè circa 700 miliardi di dollari".

In merito alle presunte influenze del Cremlino nelle ultime elezioni statunitensi, per il presidente russo "i contatti tra il Governo russo e Donald Trump sono stati inventati dall'opposizione Usa per dipingerlo come un presidente illegittimo. Ma così si danneggiano gli Stati Uniti e si limita l'azione del presidente".

Parole di elogio sono state spese da Putin proprio nei confronti del tycoon americano, "obiettivamente - ha affermato - vedo che sono stati raggiunti successi piuttosto seri nel breve periodo di tempo in cui è al lavoro". La crescita dei mercati è la "dimostrazione della fiducia degli investitori nell'economia americana, della fiducia in quello che fa il presidente Trump in questo settore. Si tratta di fattori oggettivi".

Infine, rispondendo alle domande sulla crisi nordcoreana, Putin ha ribadito che la Russia non riconosce il regime di Kim Jong-un come una potenza nucleare, ma al contempo è basilare che "sia gli Usa sia Pyongyang interrompano l'escalation di tensione. Tutto ciò deve essere fermato in quanto è estremamente pericoloso".


TAG




EurActiv Network
Milano Finanza Interattivo © Milano Finanza 2020 Partita IVA 08931350154